.
Annunci online

  dissensi appuntamenti di salvaguardia esistenziale
 
Hanno detto di DisSensi
 



DISSENSI
DisSensi è una manifestazione che si svolge ogni anno ad Arzignano (Vicenza), che a partire dalla scorsa edizione è organizzata dall'associazione Arzignano Futura, inizierà il 29 maggio,  Nata nel 2005, la manifestazione intende dar vita ad una serie di incontri pluridisciplinari legati ad un tema che permetta connessioni con le molteplici forme d’arte, la scienza e l’architettura. Le tematiche sono scelte sulla base di provocazioni artistiche e letterarie che suscitino la curiosità e l’interesse di un pubblico su scala provinciale-regionale (e non solo...). Anche gli eventi di quest'anno si terranno in importanti spazi della realtà produttiva locale.

Il tema
DisSensi è Meretricity, un modo per approfondire ed esplorare il tema della mercificazione di corpi e intelletti.
Gli eventi di quest'anno inizieranno il 29 maggio.

Su Facebook
DisSensi 2011 è anche su Facebook: visitate la pagina di DisSensi cliccando qui e iscrivetevi. 

Il blog
Con lo stesso spirito questo blog vuole essere cassa di risonanza per gli eventi di DisSensi ma anche luogo d'incontro e di confronto per tutte le persone che hanno partecipato agli eventi proposti e anche per coloro vogliano in qualche modo condividerne lo spirito e gli obiettivi.
L'obiettivo è dunque quello di interagire: lasciate commenti nell'apposita sezione sotto ad ogni articolo 
e contibuite a formare la community di DisSensi.

Le scorse edizioni

2010: Disinformacia Spa

2009: Razza bastarda

2008: Cataclismi

2007: Frammenti di felicità terrestre

2006: D'anima e carne

2005: Percezione sensoriale


12 maggio 2008

Dicono di DISSENSI 2008

"Inizia oggi ad Arzignano, la IV edizione di "Dissensi 2008, un cataclisma tra arte e letteratura", la rassegna culturale per parlare degli sconvolgimenti ambientali, politici ed economici dei nostri giorni. E si apre con un interrogativo: "Cosa rimarrà di noi?" Il festival della letteratura e delle arti promosso dal comune di Arzignano, in collaborazione con la Biblioteca Comunale G. Bedeschi, nasce da un'idea di Paolo Armelli, Paola Cisco, Stefano Fracasso, Stefano Frighetto, Diego Nori, Paolo Povoleri, Damiano Steccanella. Il nostro millennio è epoca di cataclismi annunciati e di catastrofi impossibili, sconvolgimenti ambientali, politici, economici: l'11 settembre, lo tsunami; eventi che hanno segnato un momento di rottura tra il prima e il dopo, che hanno portato alla nascita di un mondo diverso. Dissensi 2008 vuole rivalutare il termine "catastrofe" che già nel suo significato etimologico non ha un'accezione negativa: è un cambiamento radicale che diventa però anche possibilità di un nuovo inizio, l'opportunità di una rinascita. Lo spirito del festival sarà quello delle tragedie greche, la catastrofe scioglie l'azione e conduce alla catarsi, purifica e libera le emozioni lasciando spazio ad una persona nuova, che può costruire una realtà diversa. Si parte oggi, alle 18 con Emilio Franzina, Professore di Storia presso l'Università di Verona, che parlerà di un cataclisma storico: l'8 settembre 1843, quando il prima e il dopo di una patria si mescolano. A seguire la proiezione di "Videoclip Cataclismi", quattro minuti tra visioni di catastrofi in corso e cataclismi possibili, un video realizzato da Dino Magaraggia, Marco Silvestri, Mario Turco, Alberto Facchin. Domenica 11 maggio alle 15 un appuntamento dedicato ai bambini: "Piccoli cataclismi", letture animate per bambini e l'opportunità per i genitori di ascoltare i consigli di un pediatra e di un educatore sull'argomento. Alle 20.45 Luciano Covolo e Massimo Belluzzo accompagneranno il pubblico in un racconto fotografico lungo le vie dell'argento che si snodano da Buenos Aires lungo le Ande: una natura straordinaria che nasconde gli orrori dello sfruttamento minorile. La serata sarà allietata da una degustazione gastronomica a cura di Damini, e dalle musiche di Gigi Sella al sax e Paolo Scalzato al basso elettrico. Giovedì 15 maggio Silvia Schiavo, giovane scrittrice vicentina, parlerà del suo libro "Cessetto", edito da Rizzoli, sul tema del cataclisma dell'adolescenza, travagliato periodo di transizione tra l'infanzia e il mondo degli adulti. Un cataclisma politico "Il caso Moro", e Luciano Infelisi, il giudice che si occupò del caso, a trent'anni dall'assassinio ricorderà, venerdì 16 maggio alle 20.45, una delle pagine più tragiche della storia italiana. Sabato 17 maggio alle 18 curioso concerto dell'Ensemble di percussioni del Conservatorio di Padova che creeranno nella biblioteca un viaggio tra Oriente ed Occidente, un sensuale delirio acustico tra Giappone, Africa, America ed Europa. Incontro tra teatro e musica domenica 18 maggio alle 20.45, l'Ensemble PerIncantamento metterà in scena quattro musicisti e due attori per una lettura drammatizzata di testi antichi. Giovedì 22 maggio alle 20.45 Maksim Cristan, artista croato, e la sua band presenteranno un concerto letterario ispirato al libro di Cristan "Fanculopensiero". Venerdì 23 maggio alle 20.45 Luca Mercalli, noto meteorologo italiano, discuterà di cataclismi ambientali: "Il pianeta confuso, kosmos o caos?". I temi saranno gli squilibri climatici e la necessità di cambiare i nostri stili di vita per evitare un collasso ambientale. Si terrà nella sede di Acque del Chiampo in via Ferraretta 20 sabato 24 maggio alle ore 20.45 "Mil maneras para decie adiòs", uno spettacolo di danza contemporanea di "The simple Company", compagnia del DAMS di Padova fondata da Elena Borgatti. Concluderà la rassegna domenica 25 maggio alle 20.45 la conferenza "Il trauma psichico: quando la mente non supera i cataclismi dell'esistenza"."
Articolo di Paola Frighetto da Il Gazzettino, online qui



_____________
Prossimo appuntamento con DisSensi: giovedì ore 20.45, presentazione libro Cessetto


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dissensi arzignano dissensi 2008

permalink | inviato da dissensi il 12/5/2008 alle 20:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


5 maggio 2007

Dicono di DisSensi/1

" RASSEGNE. Da oggi ad Arzignano la terza edizione: comincia Luca Illetterati
Le forme della felicità
“Dissensi”: filosofia, musica, religione e arte

La felicità è il tema conduttore di “Dissensi”, la rassegna culturale arzignanese organizzata dal Comune in biblioteca "Bedeschi" e giunta alla terza edizione. Rappresentanti del mondo della filosofia, della fotografia, della musica jazz, della religione ebraica, della danza e del teatro cercheranno di definire, indagare, raccontare e interpretare la felicità; un approccio multidisciplinare che intende fornire agli spettatori una visione caleidoscopica, alternativa e "dissenziente" della più auspicabile fra le condizioni umane.
Si comincia questa sera alle 18 con Luca Illetterati, docente di filosofia teoretica a Padova. Nelle sue ricerche ha indagato in particolare il rapporto fra filosofia e scienze della natura nella filosofia tedesca da Kant ad Heidegger e si è dedicato alla riflessione sulla finitezza dell'essere umano. Per Illetterati, vicentino di nascita e arzignanese di adozione, si tratta di un gradito ritorno a casa per cui ha preparato un intervento che definisce non accademico.
«Più che anticipare quello che dirò, posso dirvi quello che non farò - spiega Illetterati -. Non parlerò di metodi e strategie per raggiungere la felicità, né fornirò una definizione. Proporrò invece una riflessione sul tentativo di raggiungere la felicità rimanendo ancorati a questo mondo. Generalmente il concetto di felicità sembra eccezionale, straordinario ed esterno alla vita quotidiana. Una felicità ultramondana, al di là della vita, per chi ci crede. Io, invece, affronterò la felicità che ha che fare con la quotidianità e che a volte è strettamente connessa con il dolore e la sofferenza. Chi non conosce il dolore e la sofferenza difficilmente può essere felice».
Per quanto riguarda gli autori Illetterati assicura alcuni riferimenti a Kant ed al mondo greco ed annuncia incursioni nel mondo dell'arte, con particolare attenzione per il cinema.
Domani alle 21 suonerà il "Tre acoustic jazz trio" con Massimo Zemolin alla chitarra semiacustica, Luca Nardon alle percussioni e Luigi Sella al sax soprano ed al clarinetto basso e con la voce di Enrica Bacchia. La formazione è attiva da sette anni ed ha inciso due album, "Live standards" del 2000 ed "Elis" l'anno scorso. Proporranno brani originali e rivisitazioni in chiave jazz di vari autori. Prima del concerto sarà inaugurata la mostra “La leggerezza del mondo” del fotografo arzignanese Luca Zanoni.
Martedì 8 maggio Adolfo Locci, rabbino capo della comunità ebraica di Padova e docente di storia della letteratura post-biblica all'Università patavina, indagherà gli aspetti giocosi della religione ebraica con l'accompagnamento della musica Klezmer del gruppo "Il fondaco del suono"
Venerdì 11 maggio alle 20.45 andrà in scena l'unico appuntamento esterno alla biblioteca: nello "Spazio Newpel" di viale Vicenza i danzatori del "Gruppo Etra" si esibiranno nello spettacolo "Baas - Il suono della felicità".
Sabato 12 maggio alle 20.45 in biblioteca si terrà “Parole sonore… ovvero la felicità”, un reading di brani letterari, spezzati da momenti musicali, con la lettura di alcune pagine di Stefano Benni, Wu Ming ed Herman Hesse dedicate alla felicità.
La chiusura della manifestazione sarà domenica 13 maggio alle 20.30 con gli "Archibugio a salve" nello spettacolo teatrale "Happiness Blues"; una performance di teatro sensoriale che prevede la creazione di ambienti ed installazioni che stimolino i sensi e suscitino emozione nello spettatore.
La manifestazione avrà un parallelo virtuale sul web (http://dissensi.ilcannocchiale.it) dove verranno pubblicate le impressioni e le riflessioni del pubblico. "
Di Nicola Rezzara da Il Giornale di Vicenza di oggi, 5 Maggio 2006




permalink | inviato da il 5/5/2007 alle 15:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     maggio       
 

 rubriche

Diario
Hanno detto di DisSensi
DisSenzienti

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom