Blog: http://dissensi.ilcannocchiale.it

DISSENSI 2011 CONTINUA

Musica

BOCCA DI ROSA RECITAL PIANO SOLO. Omaggio a Fabrizio De André

Con un gran coda Borgato posto nella sala spedizioni di una industria conciaria, nel cuore produttivo della città, un omaggio all’arte e alla carriera del cantautore genovese scomparso nel 1999 da parte di uno dei più grandi musicisti jazz italiani del momento.

 

Danilo Rea

Pianista jazz tra i più ricercati del panorama musicale italiano. Nel 1997, con Enzo Pietropaoli e Fabrizio Sferra, dà vita al trio Doctor 3 il cui disco The Tales of Doctor 3 viene premiato nel 1998 come miglior disco jazz italiano. Numerose sono le sue performance nell’ambito della musica pop come pianista di fiducia di artisti quali Mina, Claudio Baglioni, Pino Daniele. Tra le sue ultime incisioni come solista: Introverso (2008), A tribute to Fabrizio De Andrè (2010).

 

La location. L'evento musicale avrà luogo nel "palcoscenico" inedito del reparto spedizioni della Conceria Priante, importante realtà di Arzignano, che produce pelli per prestigiose industrie in tutto il mondo nel settore della moda e dell'arredo.

Da sempre sensibile alle diverse espressioni della cultura, dell'arte e della sperimentazione creativa, l'azienda vicentina riporta ad attualità quella tradizione italiana di rapporto profondo tra musica e luoghi di lavoro che ha caratterizzato gli anni '60 e '70, con l’impegno di musicisti di fama come Claudio Abbado e Maurizio Pollini.

La fabbrica della pelle, dunque, si trasforma in teatro "informale", con l'intento di rendere l'intrattenimento alla portata di tutti e offrire un'occasione di incontro, di aggregazione e di dialogo oltre i confini del lavoro quotidiano. Sottrae lo spettacolo al teatro convenzionale, sottolineando come il valore dell'impresa in relazione al territorio non sia solo economico, ma anche sociale e culturale.

Le improvvisazioni pianistiche di Danilo Rea risuoneranno nello spazio della Conceria Priante, per ricordare ciò che il lavoro in fabbrica può e deve esprimere: un'armonia profonda di suoni e voci, di mani abili ed esperte, di ritmi coinvolgenti e appassionanti.


Pubblicato il 3/6/2011 alle 0.30 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web